Bilancio preventivo e consuntivo 2013

Art. 29. Obblighi di pubblicazione del bilancio, preventivo e consuntivo, e del Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio, nonché dei dati concernenti il monitoraggio degli obiettivi.

1. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i documenti e gli allegati del bilancio preventivo e del conto consuntivo entro trenta giorni dalla loro adozione, nonché i dati relativi al bilancio di previsione e a quello consuntivo in forma sintetica, aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche, al fine di assicurare la piena accessibilità e comprensibilità.
(comma così sostituito dall'art. 8, comma 1, legge n. 89 del 2014)

1-bis. Le pubbliche amministrazioni pubblicano e rendono accessibili, anche attraverso il ricorso ad un portale unico, i dati relativi alle entrate e alla spesa di cui ai propri bilanci preventivi e consuntivi in formato tabellare aperto che ne consenta l’esportazione, il trattamento e il riutilizzo, ai sensi dell’articolo 7, secondo uno schema tipo e modalità definiti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri da adottare sentita la Conferenza unificata,
(comma così introdotto dall'art. 8, comma 1, legge n. 89 del 2014)

 

Consuntivo 2012

Preventivo 2013 -2015

Consuntivo 2013 (.pdf)

Consuntivo_2014_con_allegati(.pdf)

 

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 (.pdf)

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 (.pdf)

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 (.pdf)

R.P.P. 2014-2016 (.pdf)

Gestione Bollenti Spiriti

BANDO DI GARA per l'affidamento, mediante procedura aperta e con criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa del SERVIZIO DI GESTIONE DELLE STRUTTURE INSERITE NEL PROGETTO GIOVANINISME – PROGRAMMA REGIONALE BOLLENTI SPIRITI - in esecuzione della determinazione del Responsabile U.T.C. n.798 del 30/12/2008.

DISCIPLINARE DI GARA per l'affidamento, mediante procedura aperta e con criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa del SERVIZIO DI GESTIONE DELLE STRUTTURE INSERITE NEL PROGETTO GIOVANINISME – PROGRAMMA REGIONALE BOLLENTI SPIRITI - in esecuzione della determinazione del Responsabile U.T.C. n 798 del 30/12/2008.

Capitolato speciale d'appalto

Schema di domanda

Allegato_5_Modello_Offerta.pdf

Allegato_6_Scheda_SO.pdf

Gracilaria Verrucosa - Convegno 31 Ottobre 2008

Lesina -  Venerdì 31 ottobre 2008 presso l’aula consiliare del comune di Lesina si terrà il convegno dal titolo "I vegetali acquatici nel ruolo di depuratori"
Il convegno chiude il progetto POR finanziato dalla Regione Puglia “Piano di azione e misure per la conservazione della "Rhodophyta Gracilaria verrucosa", nel pSIC della laguna diLesina –Gargano- (FG). Il progetto, si è prefisso di tentare la strada della fitodepurazione delle acque lagunari, individuando in Gracilaria sp. un soggetto strategico per capacità di crescita e risorsa economica del contesto alieutico lagunare. Al convegno parteciperanno il sindaco diLesina Giovanni Schiavone il primo ricercatore del CNR di Lesina, dott. Pasquale Trotta, il ricercatore del CNR di Lesina Matteo Francavilla, il Presidente del Parco Nazionale del Gargano Avv. Giandiego Gatta il direttore dell’ufficio Parchi regione Puglia Ing. Francesca Pace altri ricercatori.
"Rhodophyta Gracilaria verrucosa".


Verrà finalmente svelata la ragione che ha visto durante l’estate il lago di Lesina investito da un fenomeno chimico, più esaltato che in anni passati, e che ha prodotto un disagio notevole a tutta la comunità lagunare.


Dice il dottor Trotta che la "Rhodophyta Gracilaria verrucosa" comunemente della “la gracilaria”, come tutti i vegetali, è un elemento positivo per le lagune ed in modo particolare per il lago di Lesina, perché assolve al compito di assorbire (depurare) tutti gli elementi fertilizzanti che vengono immessi nel lago dai terreni confinanti con il lago e dai reflui fognari. La Gracilaria in pratica funge da spugna assorbente, impiegando per crescere i citati agenti chimici, ed evitando così che quest’ultimi siano utilizzati, come dimostrato con il POR, da altri vegetali non commerciali quali Valonia. Il successo di questo progetto risiede nella logica di far sviluppare, e poi nella raccolta e vendita di Gracilaria, a scapito di altri vegetali occasionali quali Valonia di recente e “u lipp” Chaetomorfa, in passato, che il mercato non richiede. I guasti prodotti da tutti i vegetali non raccolti (abbandonati) in laguna, quando vanno in putrefazione, sono nella memoria e nel profondo disagio noti ai pescatori e alla popolazione locale. Da Gracilaria si estrae una gelatina vegetale agar-agar, impiegata dall’industria alimentare e dalla cosmesi. Va da sé che perseguire la logica di trattare il lago in questo modo, come del resto farebbe qualsiasi giardiniere proprietario di un orto, porta reddito e miglioramento della qualità delle acque per la pesca; l’alternativa è un degrado ambientale dovuto all’aumento dell’inquinamento delle acque.
Nell’arco degli anni tra 1972 e il 1992 sono stati raccolti quasi 12.000 quintali di gracilaria secca, equivalente a circa 75.000 quintali di umido, che venduta alle aziende ha prodotto un introito di 2 miliardi di Lire a valuta 1990, di cui hanno beneficiato i pescatori. Quindi si ha la testimonianza di una voce aggiuntiva importante per la pesca.
Oggi vogliamo dare consistenza al nostro progetto, quindi il convegno servirà per fare il punto sulla situazione attuale e per progettare il le attività future legate alla “Gracilaria”.

-

Il convegno chiude il progetto POR finanziato dalla Regione Puglia “Piano di azione e misure per la conservazione della "Rhodophyta Gracilaria verrucosa"

.

.

Conosci la Laguna ?...guarda il video !

.

Guarda il nuovo video sulla gracilaria.

Progetto parco eolico

UFFICIO TECNICO - SETTORE URBANISTICA

 
 
Nr. 4561 di prot.                                                                              Lesina lì 05/03/2010
 
 
IL RESPONSABILE DEL SETTORE III°
 
-         Vista l’istanza presentata dalla Ditta ALEXINA s.r.l. con sede in Torremaggiore (FG) al Corso Matteotti 105, relativa al progetto di realizzazione di un parco eolico in agro del Comune di Lesina per una potenza complessiva di 126 MW;
-         Vista la Legge Regionale nr. 11/2001;
 
 
RENDE NOTO
 
che per 60 (sessanta) giorni consecutivi, a decorrere dalla data di pubblicazione del presente avviso, restano depositati presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Lesina, in libera visione di tutti i cittadini, gli atti relativi alla richiesta di autorizzazione per il progetto di realizzazione di un parco eolico presentati dalla Ditta ALEXINA s.r.l.;
            Entro lo stesso periodo di pubblicazione gli interessati possono presentare osservazione e/o opposizioni scritte, depositandole presso la Segreteria di questo Comune.
            Il presente avviso viene pubblicato all’Albo Pretorio del Comune dalla data odierna per trenta giorni consecutivi.
 
 
Dalla Residenza Municipale, __05/03/2010___
 
 
 
                                                              Il Responsabile del Settore III°
                                                               Ing. Raffaele BRAMANTE