Parco Nazionale del Gargano

Il cartello del Parco Nazionale del GarganoIl Parco Nazionale del Gargano, esempio concreto di un luogo dalle bellezze mozzafiato, dove l'opera dell'Uomo si è saputa ben inserire nel contesto naturalistico.

Quasi sottovoce si sono innalzati templi religiosi e fortificazioni che non abbruttiscono questa serie di ambienti più unici che rari. Anche le fabbricazioni di utilizzo quotidiano, quali masserie, pagliai, trabucchi in legno e non ultimi i centri storici sembrano incastonati in un meraviglioso gioiello.

Sempre forte è stata la volontà di creare intorno al centro vitale dell'attuale Parco, la Foresta Umbra ("ombrosa"), un cordone che limitasse le incursioni della moderna civiltà.

Per questo motivo con il Decreto del Presidente della Repubblica del 5 giugno 1995, pubblicato sul supplemento della Gazzetta Ufficiale n° 181 del 4 agosto 1995 fu istituito il Parco Nazionale del Gargano.

Un gabbiano ...Con un’estensione di 124.219 ettari esso racchiude svariate tipologie di territori.

Dalle spiagge di Lesina alle zone umide a sud di Manfredonia, dai 1065 metri del Monte Calvo agli zero meri del litorale.

Numerosi sono i Comuni i cui territori sono racchiusi all'interno del Parco. Contribuiscono a tale estensione:

 

 

Monte Sant'Angelo 18.760 Ha
San Marco in Lamis 13.989 Ha
Vieste 13.559 Ha
San Giovanni Rotondo 12.710 Ha
Cagnano Varano 12.570 Ha
Manfredonia   8.901 Ha
Vico del Gargano   8.356 Ha
Sannicandro Garganico   7.011 Ha
Mattinata   6.963 Ha
Carpino    5.061 Ha
Lesina   4.794 Ha
Ischitella   4.304 Ha
Peschici   3.939 Ha
Serracapriola   1.414 Ha
Rignano Garganico      759 Ha
Rodi Garganico      723 Ha
Isole Tremiti      306 Ha
Poggio Imperiale      100 Ha

Al suo interno sono racchiuse, inoltre, otto Riserve Naturali gestite dal Corpo Forestale dello Stato, oltre ad altrettante Oasi di Protezione Faunistiche istituite e sotto la tutela della Regione Puglia.

Lesina contribuisce alla demarcazione del perimetro del Parco con la Riserva Naturale di Popolamento Animale, istituita nella Sacca Orientale con Decreto Ministeriale del 27 aprile 1981, e con l’Oasi Foce del Fortore istituita con decreto del Presidente della Giunta Regionale n° 5003 del 27 novembre 1975.

Sia la Riserva Naturale sia l’Oasi di Protezione sono riunite sotto la giurisdizione provinciale.

Le altre Riserve Naturali sono:

Uno storno

1 - Bosco d’Ischitella;

2 - Falascone;

3 - Foresta Umbra;

4 - Isola di Varano;

5 - Monte Barone;

6 - Palude di Frattarolo;

7 - Stilzi.

 

 

 

  

All’interno del Parco Nazionale del Gargano, inoltre, esattamente a Punta Pietre Nere, sul litorale lesinese, sono posizionate le più antiche rocce di tutta la Puglia.

Le "Pietre Nere"Un insieme di rocce, consumate dall’erosione del mare, ma ancor più dalla mano dell'Uomo, di origine vulcanica risalente al Triassico, vale a dire tra i 200 e 245 milioni di anni fa.

 

 

 

 

 

 

A cura di Francesco Giornetta - Anno 2000